Ci sono cibi che si possono mangiare per aiutare il gonfiamento dei piedi?

I piedi gonfi di solito indicano la presenza di edema, un sintomo che si verifica quando i tessuti del corpo conservano troppo liquido. L’edema può verificarsi per una serie di motivi, come i cambiamenti ormonali, i cambiamenti dell’altitudine, la malattia della tiroide o la seduta per troppo tempo. I farmaci da prescrizione e alcune erbe, come il mirtillo, il dente di leone e l’estratto di semi d’uva, possono ridurre il gonfiore nei piedi. I cambiamenti dietetici possono anche contribuire a ridurre il gonfiore. Contattare il medico per eventuali gonfiori insoliti o prolungati nei piedi.

Il sale eccessivo nella dieta è una delle principali cause dell’edema. Una dieta ad alto contenuto di sodio può portare alla ritenzione idrica che provoca gonfiore intorno alle caviglie e ai piedi, soprattutto dopo essere rimasti in piedi per lunghi periodi. Sostituire le varietà di sale a basso contenuto di sodio o ridotto di alimenti normalmente salati, come zuppe, salse, patatine, cracker e pretzelle. Limitare l’uso del sale da tavola e evitare di aggiungere sale agli alimenti durante la cottura. Sostituire altri condimenti, come pepe di limone o coriandolo, aggiungerà sapore senza aumentare l’assunzione di sodio.

Snacking su frutta fresca può contribuire a ridurre il gonfiore nei tuoi piedi. Scegli i frutti che naturalmente hanno un alto contenuto di acqua come l’anguria. Snack su uva, ananas, pere, cantalupo e arance aiuterà anche a evitare di riempire su cibi trattati e snack confezionati che spesso contengono quantità eccessive di sodio.

Alcune verdure agiscono come diuretici naturali. Mangiate più barbabietole, verdure a foglia, cipolle, asparagi e porri. Crea insalate di succosa cetrioli, sedano e pomodori. Mantenere insalate e piatti di verdure sani e bassi di sodio senza aggiungere pezzetti salatini di pancetta, condimenti e crostini salati. Controllare il contenuto di sodio nelle miscele di stagionatura quando si speziano i piatti a base di verdure cotte o si mescolano su dips vegetali freschi preparati.

L’Università di Maryland Medical Center consiglia di mangiare alimenti con grandi quantità di vitamine del complesso B, come gli spinaci, i cavoli e le verdure di mare. Scegli le varietà fresche o congelate, piuttosto che le versioni in scatola, che spesso contengono sodio aggiunto. I cereali integrali sotto forma di cereali e pani da colazione contengono anche molta vitamina B.

Sostituti a basso contenuto di sodio

Frutta

Verdure

Fonti di vitamina B